fbpx

Cosa è Bitcoin, come funzione e cosa influisce sul prezzo.

Poche tecnologie hanno la capacità di creare un appassionato dibattito online tra la popolazione come i bitcoin. La valuta virtuale è stata una fonte costante di interesse e di confusione in quanto si è spinta nel mainstream più di cinque anni fa.

Ma l’interesse per il bitcoin è ora più grande che mai. Il suo valore è salito a oltre 4.000 dollari, un nuovo picco, trasformando in milionari alcune persone che ne avevano accumulato enormi quantità.

Ma perché? È il bitcoin il futuro della moneta? È la moneta a tutti? Cosa serve?

Che cos’è?

Una valuta digitale utilizzata per effettuare pagamenti di qualsiasi valore senza spese. Funziona sulla blockchain, un registro decentralizzato che funziona grazie ai “miners” i cui potenti computer “minano” le transazioni e sono ricompensati in bitcoins.

Chi lo ha inventato?
Satoshi Nakamoto, un utente di Internet segreto, ha inventato il bitcoin nel 2008 poi andato online nel 2009. Sono stati fatti molti tentativi di identificarlo senza però prove arrivare a prove certe.

Come funziona?

Bitcoin lavora su un registro pubblico denominato blockchain, al cui interno ci sono registrazioni decentralizzate di tutte le transazioni che vengono aggiornate e detenute da tutti gli utenti della rete. Queste transazioni vengono inserite nel registro in blocchi, da qui l’idea “blockchain”.
Per creare bitcoins, gli utenti devono generare blocchi sulla rete. Ogni blocco viene creato crittograficamente, sfruttando la potenza del computer degli utenti e viene quindi aggiunto alla blockchain, consentendo agli utenti di guadagnare mantenendo la rete in esecuzione.
Un limite per quanti bitcoins può essere creato è incorporato nel sistema in modo che il valore non possa essere diluito. L’importo massimo è appena di 21 milioni di bitcoin (attualmente ce ne sono attualmente 15 milioni c.a. in circolazione)

Bitcoin e Bitcoin cash
I blocchi hanno limite di 1 MByte per registrare le transazioni effettuate sulla rete. Dopo molte discussioni infruttuose, una parte della comunità che sviluppa il codice ha deciso di rilasciarne una nuova versione, XT, in cui il limite sui blocchi viene aumentato, da qui la nascita ad Agosto 2017 del Bitcoin Cash che vi spiegherò in un altra news, intanto leggete qui.

Cosa influisce sul prezzo

Il prezzo di un bitcoin è salito su e giù dal momento che è entrato ad essere di dominio pubblico, 2013. Quell’anno i prezzi sono aumentati di quasi il 10,000 per cento prima del crollo di Mt Gox, il più grande exchanger di bitcoin online, che lo ha mandato in crash.

bitcoin chart

bitcoin chart

I prezzi sono scesi lentamente dopo il crash, ma da allora sono aumentati di nuovo. Questo sembra sia dovuto in gran parte alla tecnologia che ne regola la quantità e sicurezza oltre che all’aumento delle ICO (offerte iniziali della moneta) ovvero un modo per i progetti per raccogliere soldi vendendo “segnalini” crittografici simili a bitcoins. Molti scettici ritengono che siamo al centro di una nuova bolla di bitcoin, mentre i sostenitori dicono che stiamo iniziando a vedere l’ascesa di bitcoin.

Speculazione o rivoluzione economico/sociale?

Alla prossima, che probabilmente sarà sul nuovo portale blog dedicato.

Andrea Zennaro